Schiume inquinanti sono comparse domenica scorsa nel fiume Liri (Youtube / Nica Paolini)

Schiume nel Liri, s’indaga contro ignoti

Forze dell’ordine e tecnici di Arpa Lazio in campo domenica scorsa dopo la comparsa d’insolite macchie bianche sulle acque del Liri. Macchie diventate, nel giro di poco, schiuma alta fino a 40 centimetri. Siamo nel territorio di San Giovanni Incarico dove l’episodio, nelle prime ore del mattino, ha reso l’aria irrespirabile. Tanto da allarmare la cittadinanza e il sindaco, Paolo Fallone, che ha chiesto l’immediato intervento degli addetti ai lavori. L’Arpa ha effettuato i prelievi necessari per chiarire la tossicità della coltre bianca e la sua provenienza. Sul posto presenti anche i Carabinieri forestali e le varie polizie locali.

Il fenomeno ha avuto origine nella serata di sabato a Ceccano, dove ignoti hanno scaricato sostanze chimiche nel Sacco, affluente di destra del Liri, vittima d’inquinamento ormai da più di un decennio. L’ondata di schiuma generata dallo sversamento si è poi spostata a valle, fino a confluire proprio nel Liri e chiamando in causa altri comuni della zona: Arce, Ceprano, Falvaterra, Pontecorvo, Roccasecca e, appunto, San Giovanni Incarico. I tecnici dell’Arpa hanno eseguito campionamenti in più punti, in particolare sul ponte di Isoletta e alla diga di San Giovanni. Il sindaco Fallone ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Cassino, invitando i colleghi a fare altrettanto.

«La schiuma senza alcun dubbio proviene da Ceccano e ha un odore di detersivo – ha dichiarato il primo cittadino – Insieme ad Arpa Lazio abbiamo relazionato nei verbali ufficiali quanto accaduto e certificato. Ora aspettiamo gli esiti delle analisi dei campioni. Il nostro interesse è la tutela della salute pubblica. Nessuna pietà per questi delinquenti». Ed è quello che si augurano gli abitanti della Valle del Sacco, ossia che si scopra presto l’identità degli inquinatori e siano presi gli adeguati provvedimenti.

Il video da Youtube (Nica Paolini)

L'autore

Gianluca De Marco
Gianluca De Marco

Parliamone ;-)